2012-2022: 10 anni insieme!
Tempo per la lettura: 3 minuti
Il modello di interazione dell’informazione
marius-masalar-rPOmLGwai2w-unsplash (1)

Cos’è un modello di interazione?

La progettazione di qualsiasi sito web è la progettazione di un modello di interazione, per modello si intende il progetto della struttura organizzativa delle informazioni, più il progetto delle modalità di interazione.

La struttura organizzativa di un sito web significa di disporre all’interno di luoghi diversi una serie di informazioni e collegare queste singole parti tra di loro, mentre il progetto delle modalità di interazione si intende fondamentalmente il tipo di rapporto che noi stabiliamo con l’informazione stessa.

Quindi la struttura organizzativa si intende il modello cui schematicamente si collegano parti informative, in corrispondenza di funzioni di collegamento o riferimento.

Per modello di interazione, o modalità, si intende il rapporto di azione e reazione tra la caratteristica configurazione funzionale del sistema informativo e l’utente. Nel momento in cui noi organizziamo delle informazioni non solo le disponiamo all’interno di uno spazio, ma decidiamo anche in che modo l’utente deciderà la sua relazione con l’informazione e quindi in che modo può accedere all’informazione stessa.

Il progetto registico

La progettazione di un modello di interazione, prevede la progettazione registica di una serie di eventi, le informazioni sono organizzate sia nello spazio che nel tempo, le competenze che un progettista deve avere non sono solo competenze che permettono di gestire delle informazioni, ma anche la gestione delle azioni relative a un evento. Fondamentalmente precedentemente all’avvento delle tecnologie informatiche, l’organizzazione delle informazioni in testi era un’organizzazione necessaria alla messa in pagina dell’informazione, oggi invece attraverso le tecnologie informatiche ci troviamo ad attuare una vera e propria “messa in scena”.

Siti web per fare / Siti web per sapere

Possiamo individuare due tipi di categorie di siti web, una prima categoria che potremo definire come “Siti per sapere” dove il concetto di messa in pagina è fondamentale, dei siti web all’interno dei quali possiamo gestire una serie di informazioni. Troviamo poi dei “siti web per fare” dove gli aspetti di messa in scena, di interattività, è portata all’estremo.

La progettazione di qualsiasi sito web può avere sia degli elementi del “fare” che del “sapere”.

Siti per sapere (es: portali, siti istituzionali, database, etc…)

  • Design di conoscenza: organizzazione di informazioni (es: navigazione)
  • Sono dei sistemi informativi
  • L’obiettivo è quello di reperire informazioni

Siti per fare (es: ambienti partecipativi, games, MUD,  etc…)

  • Design dell’esperienza
  • Sono dei sistemi performativi (fondamentale gestione temporale)
  • L’obiettivo è quello di fare, di produrre un’esperienza

La progettazione registica

La progettazione registica è l’organizzazione delle informazioni in una struttura dinamica (S+T), una struttura che sia in grado di gestire sia la dimensione spaziale (S) che la dimensione temporale (T) es: uno spartito musicale è una strutturazione di elementi che eseguono particolari funzioni e la performance.

Un altro aspetto da tenere in considerazione è la progettazione delle modalità di interazione, possiamo immaginare ad esempio le diverse modalità di accesso a un sito web.

Un terzo aspetto è il progetto dei movimenti di scena e delle transizioni, dobbiamo immaginare che ciò che vediamo all’interno dello schermo è la nostra scena all’interno della quale possono avvenire dei cambiamenti, e questo cambiamento può avvenire in maniera fluida tramite vere e proprie transizioni.

In termini registici il progettista si trova a determinare e definire un progetto coreografico dell’informazione, l’informazione all’interno della schermata può essere concepita come un vero e proprio attore del quale occorre progettare sia il movimento che il comportamento.

Attraverso questi quattro punti notiamo che la regia dell’informazione implica una progettazione e delle conoscenze che sono di un carattere registico ad un primo livello, ad un secondo livello riguardano la scenografia (progettazione grafica), il terzo livello è un progetto coreografico degli elementi informativa.

Un buon modello di interazione

Rafforza la comprensione e l’orientamento, ovvero garantisce attraverso movimenti di scena spazio-temporale la concezione di dove ci troviamo in un determinato momento e quali sono i cambiamenti all’interno della scena che determinano valore semantico, inoltre implica apprendimento, l’utente inizialmente deve comprendere come funziona il sito web e le affordance in questo senso sono molto importanti.

Pubblicato
9 Gennaio 2023
Matteo Mannucci
Matteo Mannucci
Owner MaMaStudiOs
Digital Designer, Full Stack Web Developer,
Dr. Informatica umanistica, Dr. Discipline Psicosociali, Poeta
Adoro la montagna dove mi piace trascorrere il mio tempo libero, facendo passeggiate
o correndo nei boschi, per seguire o tracciare nuovi percorsi

Potrebbe interessarti

Inizia la chat
1
Bisogno di aiuto?
Benvenuto in MaMaStudiOs
Ciao e benvenuto!
Posso esserti di aiuto?